pagina

Gli obiettivi di digital fundraising della tua non profit sono molteplici. Ad esempio avere più donazioni sulla campagna di crowdfunding lanciata, oppure reclutare dei personal fundraiser, o ancora aumentare i donatori ricorrenti mensili.

Sebbene ciascun obiettivo specifico sia diverso, condividono un obiettivo finale, ossia quello che i sostenitori facciano un’azione e supportino la tua organizzazione. Il punto è capire come spingere i vostri sostenitori a fare questa azione.

Una delle prime risposte è quella di creare un ambiente, una condizione tale che spinga le persone a fare questa azione. Come lo si fa? In due modi possibili.

Innanzitutto, devi creare e raccontare una narrativa coerente e poi devo costruire empatia con l’utente per creare un ambiente più vicino alla loro prospettiva.

Sii coerente

Se vuoi raccontare una storia che riesca ad influenzare il comportamento di qualcuno devi presentare una narrativa coerente e comprensibile.

La narrazione è uno degli aspetti più importanti, tenendo conto sia delle immagini che del contenuto, e deve essere coerente su tutti i tuoi strumenti di comunicazione. Inoltre non dimenticare di includere alcuni elementi fondamentali nel creare le tue pagine:

  • Il problema che stai contribuendo a risolvere
  • In che modo lo risolvi
  • In che modo le persone possono aiutare
  • L’impatto che i sostenitori hanno

La tua narrazione è un punto di partenza fondamentale, ma non la fine del lavoro da fare. Una parte importante è data dal costruire empatia con gli utenti.

Empatizza con i tuoi utenti

Quando ti prendi il tempo di entrare in contatto ed empatizzare con i tuoi utenti e sostenitori e hai la possibilità di comprendere la loro visione, i loro bisogni e le esperienze vissute. Queste informazioni ti sono utili per creare un’esperienza dell’utente che li guidi naturalmente verso la direzione che vogliamo.

Un esercizio utile può essere quello di pensare che le persone che arrivano sul nostro sito web, o sulla nostra pagina, non conoscono la nostra associazione. Per cui mettiamoci in questa situazione e facciamoci una serie di domande:

  • Da dove potrebbero arrivare?
  • Dove potrebbero andare dopo aver visto la tua pagina?
  • Che cosa può attrarre la loro attenzione?
  • C’è qualcosa che potrebbe distrarli?
  • Ci sono call to action che loro possono cliccare?
  • La narrazione è chiara, coerente?

Al di fuori di queste domande, un’altra tattica che ti può dare le informazioni che necessiti in termini di design è parlare direttamente con i tuoi utenti. Cerca di andare oltre la tua visione e scopri chi sono queste persone, che cosa gli piace e in che modo interagiscono con la tua pagina.

Chiedi direttamente a loro

Parlare con i tuoi utenti per costruire empatia con loro può sembrare molto impegnativo, ma è anche molto utile e non richiede delle competenze specifiche.

Ad esempio, poniamo che hai bisogno di aumentare i tuoi donatori mensili. Per farlo crei una pagina di raccolta fondi, con tutte le informazioni necessarie. Non condividerla con tutta la tua audience, bensì solo con una selezione di poche persone, magari persone che hanno fatto una donazione, oppure hanno fatto attività di volontariato ai tuoi eventi.

Avendo maturato una certa relazione con loro potrai dire che stai facendo un test sulle donazioni ricorrenti e che vuoi avere dei feedback dai tuoi utenti, senza per questo divulgare troppe informazioni in merito ai dettagli del tuo test.

Dai loro I link della campagna e verifica cosa accade:

  • Quali sono le loro reazioni?
  • Sono passati sopra delle sezioni che avrebbero dovuto attrarre maggiormente la loro attenzione?
  • Si sono iscritti come donatori ricorrenti?
  • Hanno dei feedback, positivi o negativi?

La cosa positiva è che al di là dei risultati della landing page, hai già avuto un grande risultato. Hai avuto il tempo di conoscere in maniera più approfondita il tuo utente ed empatizzare con la sua prospettiva. Questo non solo ti può aiutare a strutturare una pagina che incoraggia gli utenti a fare un’azione, ma costruisce fiducia e un legame forte con i tuoi sostenitori.

La parte più importante è non dimenticare che sia un processo interattivo, gli utenti, i sostenitori, sono persone con opinioni, abitudini. Più vi basate sull’empatia con loro, più la narrative diventerà forte.

 

Photo by rawpixel on Unsplash

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>